L'Omeopatia nel Regno Lombardo Veneto

L’Omeopatia nel Regno Lombardo-Veneto: il caso Radetzky

Nelle regioni italiane, ovvero Lombardia e Veneto, in cui dopo il Congresso di Vienna fu più forte la presenza austriaca, la diffusione della terapia omeopatica fu fortemente osteggiata, rappresentando la terapia prediletta dagli “oppressori”.

 

Ci fu, però, un episodio che modificò l’atteggiamento della classe medica locale e favorì l’apertura da parte dei più scettici nei confronti dell’Omeopatia. Vediamo nel dettaglio cosa accadde.

 

Nella versione completa di questo articolo, consultabile gratuitamente previa registrazione, verranno approfonditi i seguenti temi:

Il caso Radetzky: la comparsa della malattia

Il protagonista di questa vicenda fu il Feldmaresciallo Joseph Franz Karl Wenzel Graf Radetzky von Radetz (1766-1858) che, colpito da “tumore” endorbitario destro inglobante buona parte del bulbo oculare, si affidò alle cure  dal suo medico di fiducia Christoph Härtung (1779-1857), il quale praticava la terapia omeopatica.

Il trattamento omeopatico

Il Feldmaresciallo Radetzky fu dunque sottoposto a terapia omeopatica. Scopriamo come proseguì la vicenda.

Conclusione della vicenda

Dopo aver seguito il Feldmaresciallo Radetzky per l’intero calvario, Härtung lasciò ai posteri la storia clinica del suo paziente sulle colonne del periodico “Allgemeine Homöopathische Zeitung”. Nonostante questo, nelle sue relazioni, non volle mai rivelare i farmaci utilizzati.

 

Fai il login per vedere l'articolo completo, oppure...
Se sei un professionista della salute Registrati alla community dedicata all’Omeopatia.
Potrai accedere all’area riservata e scoprire i contenuti esclusivi!

COII


Libri

Omeopatia Oggi: 2020-63

IMO

Ad aprile 2020 è uscito il n°63 di Omeopatia Oggi che si apre con un editoriale che tratta dell'ap...