Psoriasi

Area Cutanea | Redazione

La psoriasi è una malattia infiammatoria cronica della pelle, non infettiva né contagiosa.
Può comparire a qualsiasi età, con frequenza circa pari nei maschi e nelle femmine.

I sintomi della psoriasi

La manifestazione clinica di aree cutanee eritemato-squamose e ispessite sulle estremità e sul tronco, spesso a localizzazione simmetrica, ha come controparte istologica l’acantosi, ossia l’aumento di spessore del malpinghiano dell’epidermide.

Negli strati più superficiali dell’epidermide è riscontrabile la presenza di cellule nucleate (paracheratosi).

L’interazione abnorme tra epidermide e derma provoca un aumento di profondità dei solchi epidermici nel derma.

Il colore rosso vivo delle lesioni psoriasiche corrisponde, sul piano istologico, a una componente infiammatoria con i capillari superficiali – che si proiettano nelle papille dermiche – dilatati e abnormemente tortuosi. Un infiltrato infiammatorio associato si estende nelle papille e spesso nella stessa epidermide.

Ciò è particolarmente evidente nelle forme con maggior componente infiammatoria, per esempio, la psoriasi pustolosa.

Psoriasi: le cause scatenanti

La patogenesi più probabile va ascritta a una serie convergente di condizioni:

  • anomalie di proliferazione dell’epidermide;
  • componente immunitaria;
  • fattori genetici;
  • distonie profonde.

Psoriasi: cura e approccio personalizzato

Si tratta di una patologia che richiede, quindi, sempre più un approccio “personalizzato” che sia in grado di distinguere al meglio le varie tipologie di paziente e individuare con precisione le finalità terapeutiche.

La psoriasi rappresenta indubbiamente una singolarità clinica sia per le difficoltà di inquadramento eziopatogenetico sia per le evidenti difficoltà che si incontrano nell’affrontarla a livello terapeutico.


COII


Libri

Omeopatia Oggi: 2020-63

IMO

Ad aprile 2020 è uscito il n°63 di Omeopatia Oggi che si apre con un editoriale che tratta dell'ap...