Il farmaco diluito in Omeopatia

Il farmaco diluito: le dosi infinitesimali in Omeopatia

Nella sperimentazione omeopatica Christian Friedrich Samuel Hahnemann, colui che è da tutti considerato il padre dell’Omeopatia, utilizzava sostanze potenzialmente tossiche: decise, quindi, di diluire ogni ceppo sino a superare, seppur inconsapevolmente, il numero di Avogadro ovvero il numero di particelle elementari, atomi o molecole presenti in una mole di sostanza.
Dalle sue sperimentazioni Hahnemann evinse che le preparazioni, anche molto diluite, continuavano ad avere proprietà terapeutiche.
È proprio su questo punto che si è instaurato, nel tempo, uno dei grandi dibattiti che vede contrapporsi le tesi degli omeopati e quelle dei sostenitori del metodo allopatico.

 

Nella versione completa di questo articolo, consultabile gratuitamente previa registrazione, verranno approfonditi i seguenti temi:

Diluizioni omeopatiche

Il dibattito su questo tema e sui principi alla base della scienza omeopatica, è tutt’ora aperto. Nonostante ciò, l’avanzamento della ricerca scientifica, soprattutto in ambito biochimico e immunologico, sta portando a risultati che cominciano a delineare delle ipotesi plausibili sul reale funzionamento dei farmaci omeopatici che, anche se si tratta di soluzioni che superano il numero di Avogadro.

Omeopatia Hahnemanniana

In origine Hahnemann, che non conosceva il signor Avogadro, decise di somministrare a dei soggetti volontari numerose sostanze, potenzialmente tossiche, per valutare il quadro sintomatologico che ne emergeva. Hahnemann era assolutamente conscio della tossicità di tali sostanze e sapeva che, per questo motivo, dovevano essere obbligatoriamente diluite.

Le dosi infinitesimali in Omeopatia

Ad un certo punto delle sue sperimentazioni Hahnemann osservò che i ceppi diluiti al massimo grado non solo non perdevano la loro capacità di generare una sintomatologia caratteristica ma, in molti casi, continuando a diluire il preparato, nemmeno il loro potere farmacologico.

 

Fai il login per vedere l'articolo completo, oppure...
Se sei un professionista della salute Registrati alla community dedicata all’Omeopatia.
Potrai accedere all’area riservata e scoprire i contenuti esclusivi!

COII


Libri

Omeopatia Oggi: 2020-63

IMO

Ad aprile 2020 è uscito il n°63 di Omeopatia Oggi che si apre con un editoriale che tratta dell'ap...